DIVERSAMENTE ABILI

Progetto motorio rivolto a diversamente abili


PROGETTO

INSIEME SPORTIVA-MENTE

Il progetto non ha specifiche aspettative riabilitative, ma si preoccupa di agire nella sfera dell’inserimento dei soggetti in un ambiente che è di tutti. Inoltre, l’attività sportiva e ricreativa condotta in gruppo e ben inserita nel contesto sociale, può contribuire notevolmente al miglioramento delle condizioni psico-fisiche delle persone con disabilità.

“Imparare a stare bene con se stessi e con gli altri” è l’obiettivo principale, ciò significa
contribuire a cercare di portare il soggetto a minimizzare la sua disabilità, potenziando le sue reali capacità.

L’attività sportiva per i disabili deve essere in questo caso intesa come strumento per
educare all’autonomia, per il potenziamento delle capacità esistenti, per accrescere
l’autostima. Ha, quindi, un valore educativo e non di recupero funzionale, anche se le
attività svolte non possono che essere di aiuto anche in quel settore.


Lo sport è un’attività umana che si fonda su valori sociali, educativi e culturali. E’ determinante nell’inserimento, nell’accettazione delle differenze e nell’osservazione delle regole. Per questo deve essere accessibile a tutti, nel rispetto delle aspirazioni e delle capacità di ciascuno e nella diversità.
La pratica delle attività fisiche rappresenta per i disabili un mezzo privilegiato di sviluppo individuale, di rieducazione e di integrazione sociale.

L’attività motoria genera la necessità di allontanarsi fisicamente dal nucleo familiare e la possibilità di relazionarsi con il mondo esterno integrando le incapacità con la scoperta di nuove possibilità che possono contribuire all’accettazione di sé.



Una persona diversamente abile deve mettere in atto una serie di nuove e differenti modalità di approccio alla motilità, quindi bisogna spostare l’attenzione dalla menomazione al residuo funzionale e focalizzarla sull’interazione tra individuo e ambiente.

Perché un diversamente abile attraverso l’attività motoria possa esprimere tutte le sue potenzialità e trarne tutte i benefici possibili SONO IMPORTANTI:


ATTIVITA’ FISICA ADATTATA


ATTIVITA’ FISICA INTEGRATA



FINALITA’ DEL PROGETTO


Attività motoria come momento preventivo-riabilitativo

Mantenimento tono muscolare e fisiologica mobilità articolare

Acquisizione di nuove abilità motorie

Attività di rilassamento

Attività motoria come momento di integrazione sociale

Facilitazione degli interscambi sociali

Inserimento di se stessi in diversi ambienti esterni

Opportunità di relazionarsi con nuovi modelli

Attività motoria come momento educativo

Stimolo dell’attività cognitiva (attenzione, memoria)

Incremento dell’autonomia e rinforzo autostima

Controllo dell’ansia, iperattività ed irritabilità



La programmazione sarà attenta e precisa e terrà conto soprattutto del tipo dell’handicap e dei suoi effetti sul fisico.





01234567890012345678900123456789001234567890

1° CONVEGNO

Disabilità & Sport
oltre le barriere…


Attività motoria per i disabili come via d’uscita dalla gabbia dell’handicap